Longchamp Autocall Fund

Strategia di Investimento

L’obiettivo di Longchamp Autocall Fund (il “Fondo”) è quello di offrire una performance annualizzata al netto di commissioni superiore all’ EONIA capitalizzato + 6,30% su un periodo di investimento consigliato di almeno 5 anni.

Per raggiungere tale obiettivo, il team di gestione implementa essenzialmente una strategia basata su un portafoglio diversificato di AutoCall in termini di sottostanti, emittenti e punti di ingresso.

Il fondo è costituito da due sottoallocazioni:

  • Un’ allocazione « Core », il portafoglio di Autocall
  • Un’ allocazione « Satellite », il portafoglio di Diversificazione

Il peso target del portafoglio di Autocall è 70% e 30% per il portafoglio di diversificazione.

Un portafoglio di diversificazione “satellite” mira a limitare gli effetti di eccessive variazioni del mercato azionario.

Caratteristiche della strategia:

  • Esposizione ai mercati azionari europei e statunitensi
  • Profilo più difensivo rispetto all’esposizione diretta ai mercati azionari
  • Diversificazione di emittenti, punti di ingresso e settori
  • Protezione parziale del capitale
  • Abbandono di alcuni degli scenari di crescita significativa dei mercati

Longchamp Asset Management, attraverso l’esperienza del suo team di prodotti strutturati, ha sviluppato una competenza unica incentrata su 3 assi principali:

  • Ricerca: strumenti per selezionare i sottostanti più interessanti da un punto di vista quantitativo e qualitativo
  • Tecnica: indipendenza nella valutazione degli strumenti per analizzare i rischi
  • Esecuzione: ricerca del miglior prezzo, selezione e diversificazione delle controparti

Principali Attori del Mercato

Come Funzionano gli Autocall

Focus sul Valore di Rimborso alla Scadenza

Obiettivo e Strategia di Gestione del Fondo

Performance il 25/11/2020

NAVMTDYTDLTD
968.08€21.05%-3.19%-3.19%

powered by Advanced iFrame free. Get the Pro version on CodeCanyon.

I dati sopra riportati si riferiscono al passato. I rendimenti passati sono netto delle commissioni i non sono indicativi di risultati futuri. 

Dettagli

Strategia
  • Fondo Autocall
Indice di Riferimento
  • Il rendimento netto annuale delle unità MF può essere comparato a:
    • EONIA Capitalizzato + 5% per la classe C
    • EONIA Capitalizzato + 6% per la classe B e D 
    • EONIA Capitalizzato + 6.30% per la classe A 
Ambito di Investimento
  • I sottostanti degli Autocall sono gli indici principali dei mercati europei o americani o azioni appartenenti a questi indici.
  • Gli Autocall possono avere uno o più sottostanti
  • Il team di gestione seleziona gli Autocall ricercando un equilibrio tra scelta delle cedole, delle barriere di protezione del capitale, delle barriere di protezione dei coupon e le barriere di richiamo anticipato.
  • Il team di gestione può anche attuare strategie di diversificazione che mirano a fornire una decorrelazione ai mercati azionari.

Rischi

I Sottoscrittori sono esposti ai seguenti rischi:

  • Rischio di perdita di capitale: il Fondo non beneficia di alcuna garanzia o protezione; pertanto, il capitale inizialmente investito non può essere restituito anche se gli abbonati tengono le loro quote per il periodo di investimento raccomandato.
  • Rischio legato al periodo di costruzione del portafoglio (“Ramp-Up”): durante la Ramp-Up (che può durare per diversi mesi), il Fondo potrebbe non essere completamente esposto alla strategia Autocall. Di conseguenza, durante questo periodo, la performance del fondo potrebbe a volte essere inferiore alla performance indicata dall’obiettivo di gestione.
  • Rischio legato alla gestione discrezionale: quando gestisce il Fondo, la Società di gestione utilizza un processo di investimento, tecniche e analisi del rischio specifiche nelle sue decisioni di investimento, ma non vi è alcuna garanzia che le sue decisioni produrranno i risultati attesi. In particolare, la Società di gestione non può selezionare i tipi di Autocall o indici azionari, i settori azionari sottostanti degli Autocall che avrebbero offerto prestazioni migliori. Inoltre, la Società di gestione può decidere di non esporre integralmente il Fondo alla Strategia di Autocalls per un periodo in cui un’intera esposizione avrebbe avuto un rendimento migliore. Di conseguenza, l’obiettivo della gestione potrebbe non essere raggiunto e l’investitore potrebbe subire perdite di capitale.
  • Rischio del mercato azionario: i prezzi delle azioni e gli indici sul mercato azionario possono fluttuare in base alle prospettive o alle aspettative degli investitori. Il Comparto può registrare fluttuazioni significative dei prezzi in qualsiasi momento, sia verso l’alto che verso il basso (in particolare, a causa dell’evoluzione dei prezzi del/dei sottostante/i), che può in alcuni casi finire con la perdita totale dell’importo investito. Il calo dei mercati azionari può determinare una riduzione del valore patrimoniale netto del Fondo. Un calo molto significativo dei mercati azionari porterà a una diminuzione del valore patrimoniale netto del Fondo.
  • Rischio di volatilità implicita: il Fondo è esposto a strumenti derivati la cui valutazione dipende da variabili che non sono osservabili direttamente sui mercati finanziari e che sono difficili da osservare per l’investitore. In particolare, un aumento della volatilità implicita del Sottostante causa spesso un calo nella valutazione dei derivati, che si traduce in una diminuzione del valore patrimoniale netto del Fondo.
  • Rischio tasso d’interesse: il rischio di tasso di interesse è il rischio di deprezzamento degli strumenti di tasso (a lungo e/o a breve termine) derivanti dalla variazione dei tassi di interesse. Ad esempio, il prezzo di un’obbligazione a tasso fisso tende a diminuire in caso di aumento dei tassi di interesse. Il Fondo è indirettamente sensibile alle variazioni dei tassi di interesse attraverso i suoi investimenti in Autocall: in caso di un aumento significativo dei tassi di interesse, il valore delle attività può diminuire.
  • Rischio di cambio: il fondo è esposto al rischio di cambio. Può essere esposto a titoli con derivati incorporati in USD.
  • Rischio di controparte: il rischio di controparte deriva dall’utilizzo da parte del Fondo da parte di strumenti finanziari detenuti over-the-counter (OTC) e/o operazioni temporanee di acquisto e vendita di titoli. Il Fondo è esposto al rischio che la controparte non adempia ai propri obblighi di performance nell’ambito dell’OTC (in particolare gli Autocall). L’inadempienza della controparte (o l’inadempimento della controparte a uno qualsiasi dei suoi obblighi) nel contesto di tali operazioni può avere un effetto negativo rilevante sul valore patrimoniale netto del Fondo.
  • Rischi connessi alle operazioni di finanziamento di titoli e rischi connessi alla gestione delle garanzie finanziarie: queste transazioni e le relative garanzie possono creare rischi per il Fondo, come ad esempio:
    • rischio di controparte (come descritto sopra),
    • rischio legale,
    • rischio di conservazione,
    • rischio di liquidità (ossia il rischio derivante dalla difficoltà di acquistare, vendere, liquidare o valutare un titolo o una transazione a causa della mancanza di acquirenti, venditori o controparti) e, se il caso,
    • Rischi connessi al riutilizzo delle garanzie (ossia, principalmente, il rischio che le garanzie finanziarie fornite dal Fondo non vengano restituite ad esso, ad esempio a seguito del default della controparte).
  • Rischio di liquidità: le controparti selezionate attraverso il “metodo diretto” (acquisto di titoli) e/o il “metodo di esposizione sintetica” (tramite swap) sono selezionate in base alla di liquidità degli strumenti. Tuttavia, il fondo può rimanere esposto a un rischio di liquidità. I future finanziari sono per natura abbastanza liquidi, ma in determinate circostanze possono avere un basso livello di liquidità. Inoltre, il Fondo potrebbe essere esposto a difficoltà di negoziazione o alla temporanea incapacità di negoziare determinati titoli in cui investe il Fondo o quelli ricevuti come garanzia, in particolare nel caso di mancata negoziazione da parte di una controparte e acquisizioni e vendite temporanee di titoli e/o total return swap (TRS).
  • Rischio di derivati: il Fondo utilizza derivati che sono derivati OTC a fini di investimento e/o di copertura. Questi strumenti sono volatili e possono essere soggetti a vari tipi di rischi, inclusi il rischio di mercato, il rischio di liquidità, il rischio di controparte, il rischio legale e il rischio operativo. Inoltre, gli investimenti in derivati OTC potrebbero avere una liquidità limitata nel mercato secondario e potrebbe essere difficile valutare tale posizione. Per questi motivi, non vi è alcuna garanzia che le strategie di derivati conseguano lo scopo previsto.
  • Rischi specifici relativi a Autocall: un Autocall ha una scadenza variabile e può essere richiamato presto in una data di osservazione prestabilita. In caso di un richiamo anticipato di un Autocall o di una scadenza, il Comparto può essere soggetto al rischio di reinvestimento in quanto il Comparto potrebbe non essere in grado di sostituirlo con un Autocall che offre caratteristiche simili. Nel caso di Autocalls su diversi Sottostanti, il Fondo può essere esposto a un rischio di correlazione tra i Sottostanti.
  • Rischio connesso all’investimento in opzioni con barriera: il Fondo è esposto a derivati la cui valutazione dipende dal livello del Sottostante in determinate date. La sensibilità della valutazione del Fondo alle variazioni dei prezzi dei Sottostanti aumenterà in prossimità di tali date, in particolare a determinati livelli di mercato che possono amplificare al rialzo o al ribasso l’effetto dei movimenti di mercato dei Sottostanti dei Comparti.
  • Rischio di partecipazione parziale alla crescita del mercato azionario: tra la data di lancio e la scadenza, l’evoluzione del valore degli Autocall può discostarsi da quella del titolo o dell’indice sottostante. In particolare, la performance di questi prodotti dal lancio è limitata al rialzo dal meccanismo di capitalizzazione degli utili (cedole condizionali); pertanto, il Sottoscrittore può beneficiare solo parzialmente dell’aumento di azioni sottostanti o indici azionari.

Informazioni Chiavi

Struttura Giuridica:Francese UCITS FCP
SICAV:N/A
Gestore degli Investimenti:Longchamp Asset Management SAS
Domicilio: Francia
Valuta di Riferimento: EUR
Giorno di Negoziazione:Quotidiana
Orario Limite di Accentramento Ordini (Sottoscrizioni):12 orario di mezzogiorno a Parigi 5 giorni lavorativi prima del relativo Giorno di negoziazione
Orario Limite di Accentramento Ordini (Rimborsi):12 orario di mezzogiorno a Parigi 5 giorni lavorativi prima del relativo Giorno di negoziazione
Data Limite di Pagamento (Sottoscrizioni):Entro 5 giorni lavorativi dopo il relativo giorno di negoziazione
Data Limite di Pagamento (Rimborsi):Entro 5 giorni lavorativi dopo il relativo giorno di negoziazione

Gestori di Portafoglio

David Armstrong
Presidente – Gestione della testa e del Portfolio Manager

David è presidente di Longchamp Asset Management, una società di gestione autorizzata e regolamentata dalla AMF, che ha fondato nel 2013. In precedenza, David è stato Managing Director nella divisione Institutional Equities di Morgan Stanley dove è stato responsabile globale delle attività di “Fund and Fund Linked”, presidente e direttore di FundLogic SAS e FundLogic Alternative Plc, creata da Morgan Stanley nel settembre 2010. Prima di entrare in Morgan Stanley, David ha lavorato quattordici anni nella divisione Global Equity Derivatives Solutions di Société Générale, dove ha ricoperto diversi incarichi a Parigi, Milano (Head of Capital Markets per l’Italia e Presidente del Consiglio di Lyxor SGR, società italiana di gestione del risparmio alternativo) e New York (responsabile della divisione prodotti strutturati per il mercato USA). David ha conseguito un Master di EDHEC a Lille.

Isabelle Mérou
Gestore di Portafoglio

Isabelle è Gestore di Portafoglio. In particolare, è impegnata a finanziare la strutturazione, i fondi multi-gestione e i mandati di gestione patrimoniale.
In precedenza, Isabelle ha lavorato presso Société Générale Bank and Trust (SGBT) presso il desk di negoziazione Derivati OTC di Cross Assets. Ha lavorato a diversi progetti tra cui revisione del portafoglio, ristrutturazione, implementazione e sviluppo della strategia e questioni normative. Prima di entrare a far parte di SGBT, Isabelle ha lavorato presso Société Générale Corporate and Investment Banking (SGCIB) come divisione di derivati di valuta estera e prodotti strutturati.
Isabelle ha conseguito un Diploma di ingegneria in ingegneria finanziaria presso la Scuola di ingegneria Léonard de Vinci.

Adam Chajar
Gestore di Portafoglio

Adam è junior gestori di portafoglio presso Longchamp Asset Management. È responsabile della gestione del portafoglio.
In precedenza, Adam ha lavorato presso Kepler Cheuvreux sul banco prodotti strutturati OTC. Prima di entrare in Kepler Cheuvreux, è stato vice direttore di un portafoglio di diversificazione presso Banque Postale.
Adam ha conseguito una laurea in ingegneria statistica e finanziaria da Dauphine / Assas.

Lorenc Golemi
Responsabile del Rischio e Ingegnere Finanziario

Lorenc è Chief Risk Officer di Longchamp Asset Management. Prima di entrare in Longchamp AM, Lorenc ha lavorato in consulenza e advisory in banche d’investimento e società di gestione patrimoniale. In precedenza, ha lavorato come Portfolio Manager, Risk Manager e Financial Engineer presso UBS AM, CommerzBank e Dresdner Kleinwort Benson. Era il responsabile delle strategie sistematiche e la gestione della volatilità e del rischio per fondi a rendimento assoluto.

Lorenc ha conseguito una laurea in Ingegneria informatica e un master in Matematica applicata.

Dettagli Quote Disponibili

   Codice ISINCodice BBGData di LancioSpese di PerformanceSpese di GestioneTER**

Institutional *

AEURFR0013405461LONAUTA FP29.04.20190.60%20%0.85% p.a.

Institutional

BEURFR0013405685LONAUTB FP17.02.20200.90%20%1.15% p.a.

Retail

CEURFR0013405693LONAUTC FP17.09.20191.90%20%2.15% p.a.

Institutional

DEURFR0013405701LONAUTD FP29.04.20190.90%20%1.15% p.a.

* Part de référence du Fonds servant à la communication des Valeurs Liquidatives, des performances WTD, MTD, YTD et LTD.
** Inclus 0.25% de frais de gestion externes (CAC, dépositaire, avocats, distribution).

Strategia

Strategia di Investimento

L’obiettivo di Longchamp Autocall Fund (il “Fondo”) è quello di offrire una performance annualizzata al netto di commissioni superiore all’ EONIA capitalizzato + 6,30% su un periodo di investimento consigliato di almeno 5 anni.

Per raggiungere tale obiettivo, il team di gestione implementa essenzialmente una strategia basata su un portafoglio diversificato di AutoCall in termini di sottostanti, emittenti e punti di ingresso.

Il fondo è costituito da due sottoallocazioni:

  • Un’ allocazione « Core », il portafoglio di Autocall
  • Un’ allocazione « Satellite », il portafoglio di Diversificazione

Il peso target del portafoglio di Autocall è 70% e 30% per il portafoglio di diversificazione.

Un portafoglio di diversificazione “satellite” mira a limitare gli effetti di eccessive variazioni del mercato azionario.

Caratteristiche della strategia:

  • Esposizione ai mercati azionari europei e statunitensi
  • Profilo più difensivo rispetto all’esposizione diretta ai mercati azionari
  • Diversificazione di emittenti, punti di ingresso e settori
  • Protezione parziale del capitale
  • Abbandono di alcuni degli scenari di crescita significativa dei mercati

Longchamp Asset Management, attraverso l’esperienza del suo team di prodotti strutturati, ha sviluppato una competenza unica incentrata su 3 assi principali:

  • Ricerca: strumenti per selezionare i sottostanti più interessanti da un punto di vista quantitativo e qualitativo
  • Tecnica: indipendenza nella valutazione degli strumenti per analizzare i rischi
  • Esecuzione: ricerca del miglior prezzo, selezione e diversificazione delle controparti

Principali Attori del Mercato

Come Funzionano gli Autocall

Focus sul Valore di Rimborso alla Scadenza

Obiettivo e Strategia di Gestione del Fondo

Performance

Performance il 25/11/2020

NAVMTDYTDLTD
968.08€21.05%-3.19%-3.19%

powered by Advanced iFrame free. Get the Pro version on CodeCanyon.

I dati sopra riportati si riferiscono al passato. I rendimenti passati sono netto delle commissioni i non sono indicativi di risultati futuri. 

Dettagli

Dettagli

Strategia
  • Fondo Autocall
Indice di Riferimento
  • Il rendimento netto annuale delle unità MF può essere comparato a:
    • EONIA Capitalizzato + 5% per la classe C
    • EONIA Capitalizzato + 6% per la classe B e D 
    • EONIA Capitalizzato + 6.30% per la classe A 
Ambito di Investimento
  • I sottostanti degli Autocall sono gli indici principali dei mercati europei o americani o azioni appartenenti a questi indici.
  • Gli Autocall possono avere uno o più sottostanti
  • Il team di gestione seleziona gli Autocall ricercando un equilibrio tra scelta delle cedole, delle barriere di protezione del capitale, delle barriere di protezione dei coupon e le barriere di richiamo anticipato.
  • Il team di gestione può anche attuare strategie di diversificazione che mirano a fornire una decorrelazione ai mercati azionari.
Rischi

Rischi

I Sottoscrittori sono esposti ai seguenti rischi:

  • Rischio di perdita di capitale: il Fondo non beneficia di alcuna garanzia o protezione; pertanto, il capitale inizialmente investito non può essere restituito anche se gli abbonati tengono le loro quote per il periodo di investimento raccomandato.
  • Rischio legato al periodo di costruzione del portafoglio (“Ramp-Up”): durante la Ramp-Up (che può durare per diversi mesi), il Fondo potrebbe non essere completamente esposto alla strategia Autocall. Di conseguenza, durante questo periodo, la performance del fondo potrebbe a volte essere inferiore alla performance indicata dall’obiettivo di gestione.
  • Rischio legato alla gestione discrezionale: quando gestisce il Fondo, la Società di gestione utilizza un processo di investimento, tecniche e analisi del rischio specifiche nelle sue decisioni di investimento, ma non vi è alcuna garanzia che le sue decisioni produrranno i risultati attesi. In particolare, la Società di gestione non può selezionare i tipi di Autocall o indici azionari, i settori azionari sottostanti degli Autocall che avrebbero offerto prestazioni migliori. Inoltre, la Società di gestione può decidere di non esporre integralmente il Fondo alla Strategia di Autocalls per un periodo in cui un’intera esposizione avrebbe avuto un rendimento migliore. Di conseguenza, l’obiettivo della gestione potrebbe non essere raggiunto e l’investitore potrebbe subire perdite di capitale.
  • Rischio del mercato azionario: i prezzi delle azioni e gli indici sul mercato azionario possono fluttuare in base alle prospettive o alle aspettative degli investitori. Il Comparto può registrare fluttuazioni significative dei prezzi in qualsiasi momento, sia verso l’alto che verso il basso (in particolare, a causa dell’evoluzione dei prezzi del/dei sottostante/i), che può in alcuni casi finire con la perdita totale dell’importo investito. Il calo dei mercati azionari può determinare una riduzione del valore patrimoniale netto del Fondo. Un calo molto significativo dei mercati azionari porterà a una diminuzione del valore patrimoniale netto del Fondo.
  • Rischio di volatilità implicita: il Fondo è esposto a strumenti derivati la cui valutazione dipende da variabili che non sono osservabili direttamente sui mercati finanziari e che sono difficili da osservare per l’investitore. In particolare, un aumento della volatilità implicita del Sottostante causa spesso un calo nella valutazione dei derivati, che si traduce in una diminuzione del valore patrimoniale netto del Fondo.
  • Rischio tasso d’interesse: il rischio di tasso di interesse è il rischio di deprezzamento degli strumenti di tasso (a lungo e/o a breve termine) derivanti dalla variazione dei tassi di interesse. Ad esempio, il prezzo di un’obbligazione a tasso fisso tende a diminuire in caso di aumento dei tassi di interesse. Il Fondo è indirettamente sensibile alle variazioni dei tassi di interesse attraverso i suoi investimenti in Autocall: in caso di un aumento significativo dei tassi di interesse, il valore delle attività può diminuire.
  • Rischio di cambio: il fondo è esposto al rischio di cambio. Può essere esposto a titoli con derivati incorporati in USD.
  • Rischio di controparte: il rischio di controparte deriva dall’utilizzo da parte del Fondo da parte di strumenti finanziari detenuti over-the-counter (OTC) e/o operazioni temporanee di acquisto e vendita di titoli. Il Fondo è esposto al rischio che la controparte non adempia ai propri obblighi di performance nell’ambito dell’OTC (in particolare gli Autocall). L’inadempienza della controparte (o l’inadempimento della controparte a uno qualsiasi dei suoi obblighi) nel contesto di tali operazioni può avere un effetto negativo rilevante sul valore patrimoniale netto del Fondo.
  • Rischi connessi alle operazioni di finanziamento di titoli e rischi connessi alla gestione delle garanzie finanziarie: queste transazioni e le relative garanzie possono creare rischi per il Fondo, come ad esempio:
    • rischio di controparte (come descritto sopra),
    • rischio legale,
    • rischio di conservazione,
    • rischio di liquidità (ossia il rischio derivante dalla difficoltà di acquistare, vendere, liquidare o valutare un titolo o una transazione a causa della mancanza di acquirenti, venditori o controparti) e, se il caso,
    • Rischi connessi al riutilizzo delle garanzie (ossia, principalmente, il rischio che le garanzie finanziarie fornite dal Fondo non vengano restituite ad esso, ad esempio a seguito del default della controparte).
  • Rischio di liquidità: le controparti selezionate attraverso il “metodo diretto” (acquisto di titoli) e/o il “metodo di esposizione sintetica” (tramite swap) sono selezionate in base alla di liquidità degli strumenti. Tuttavia, il fondo può rimanere esposto a un rischio di liquidità. I future finanziari sono per natura abbastanza liquidi, ma in determinate circostanze possono avere un basso livello di liquidità. Inoltre, il Fondo potrebbe essere esposto a difficoltà di negoziazione o alla temporanea incapacità di negoziare determinati titoli in cui investe il Fondo o quelli ricevuti come garanzia, in particolare nel caso di mancata negoziazione da parte di una controparte e acquisizioni e vendite temporanee di titoli e/o total return swap (TRS).
  • Rischio di derivati: il Fondo utilizza derivati che sono derivati OTC a fini di investimento e/o di copertura. Questi strumenti sono volatili e possono essere soggetti a vari tipi di rischi, inclusi il rischio di mercato, il rischio di liquidità, il rischio di controparte, il rischio legale e il rischio operativo. Inoltre, gli investimenti in derivati OTC potrebbero avere una liquidità limitata nel mercato secondario e potrebbe essere difficile valutare tale posizione. Per questi motivi, non vi è alcuna garanzia che le strategie di derivati conseguano lo scopo previsto.
  • Rischi specifici relativi a Autocall: un Autocall ha una scadenza variabile e può essere richiamato presto in una data di osservazione prestabilita. In caso di un richiamo anticipato di un Autocall o di una scadenza, il Comparto può essere soggetto al rischio di reinvestimento in quanto il Comparto potrebbe non essere in grado di sostituirlo con un Autocall che offre caratteristiche simili. Nel caso di Autocalls su diversi Sottostanti, il Fondo può essere esposto a un rischio di correlazione tra i Sottostanti.
  • Rischio connesso all’investimento in opzioni con barriera: il Fondo è esposto a derivati la cui valutazione dipende dal livello del Sottostante in determinate date. La sensibilità della valutazione del Fondo alle variazioni dei prezzi dei Sottostanti aumenterà in prossimità di tali date, in particolare a determinati livelli di mercato che possono amplificare al rialzo o al ribasso l’effetto dei movimenti di mercato dei Sottostanti dei Comparti.
  • Rischio di partecipazione parziale alla crescita del mercato azionario: tra la data di lancio e la scadenza, l’evoluzione del valore degli Autocall può discostarsi da quella del titolo o dell’indice sottostante. In particolare, la performance di questi prodotti dal lancio è limitata al rialzo dal meccanismo di capitalizzazione degli utili (cedole condizionali); pertanto, il Sottoscrittore può beneficiare solo parzialmente dell’aumento di azioni sottostanti o indici azionari.
Informazioni Chiavi

Informazioni Chiavi

Struttura Giuridica:Francese UCITS FCP
SICAV:N/A
Gestore degli Investimenti:Longchamp Asset Management SAS
Domicilio: Francia
Valuta di Riferimento: EUR
Giorno di Negoziazione:Quotidiana
Orario Limite di Accentramento Ordini (Sottoscrizioni):12 orario di mezzogiorno a Parigi 5 giorni lavorativi prima del relativo Giorno di negoziazione
Orario Limite di Accentramento Ordini (Rimborsi):12 orario di mezzogiorno a Parigi 5 giorni lavorativi prima del relativo Giorno di negoziazione
Data Limite di Pagamento (Sottoscrizioni):Entro 5 giorni lavorativi dopo il relativo giorno di negoziazione
Data Limite di Pagamento (Rimborsi):Entro 5 giorni lavorativi dopo il relativo giorno di negoziazione
Gestori di Portafoglio

Gestori di Portafoglio

David Armstrong
Presidente – Gestione della testa e del Portfolio Manager

David è presidente di Longchamp Asset Management, una società di gestione autorizzata e regolamentata dalla AMF, che ha fondato nel 2013. In precedenza, David è stato Managing Director nella divisione Institutional Equities di Morgan Stanley dove è stato responsabile globale delle attività di “Fund and Fund Linked”, presidente e direttore di FundLogic SAS e FundLogic Alternative Plc, creata da Morgan Stanley nel settembre 2010. Prima di entrare in Morgan Stanley, David ha lavorato quattordici anni nella divisione Global Equity Derivatives Solutions di Société Générale, dove ha ricoperto diversi incarichi a Parigi, Milano (Head of Capital Markets per l’Italia e Presidente del Consiglio di Lyxor SGR, società italiana di gestione del risparmio alternativo) e New York (responsabile della divisione prodotti strutturati per il mercato USA). David ha conseguito un Master di EDHEC a Lille.

Isabelle Mérou
Gestore di Portafoglio

Isabelle è Gestore di Portafoglio. In particolare, è impegnata a finanziare la strutturazione, i fondi multi-gestione e i mandati di gestione patrimoniale.
In precedenza, Isabelle ha lavorato presso Société Générale Bank and Trust (SGBT) presso il desk di negoziazione Derivati OTC di Cross Assets. Ha lavorato a diversi progetti tra cui revisione del portafoglio, ristrutturazione, implementazione e sviluppo della strategia e questioni normative. Prima di entrare a far parte di SGBT, Isabelle ha lavorato presso Société Générale Corporate and Investment Banking (SGCIB) come divisione di derivati di valuta estera e prodotti strutturati.
Isabelle ha conseguito un Diploma di ingegneria in ingegneria finanziaria presso la Scuola di ingegneria Léonard de Vinci.

Adam Chajar
Gestore di Portafoglio

Adam è junior gestori di portafoglio presso Longchamp Asset Management. È responsabile della gestione del portafoglio.
In precedenza, Adam ha lavorato presso Kepler Cheuvreux sul banco prodotti strutturati OTC. Prima di entrare in Kepler Cheuvreux, è stato vice direttore di un portafoglio di diversificazione presso Banque Postale.
Adam ha conseguito una laurea in ingegneria statistica e finanziaria da Dauphine / Assas.

Lorenc Golemi
Responsabile del Rischio e Ingegnere Finanziario

Lorenc è Chief Risk Officer di Longchamp Asset Management. Prima di entrare in Longchamp AM, Lorenc ha lavorato in consulenza e advisory in banche d’investimento e società di gestione patrimoniale. In precedenza, ha lavorato come Portfolio Manager, Risk Manager e Financial Engineer presso UBS AM, CommerzBank e Dresdner Kleinwort Benson. Era il responsabile delle strategie sistematiche e la gestione della volatilità e del rischio per fondi a rendimento assoluto.

Lorenc ha conseguito una laurea in Ingegneria informatica e un master in Matematica applicata.

Quote

Dettagli Quote Disponibili

   Codice ISINCodice BBGData di LancioSpese di PerformanceSpese di GestioneTER**

Institutional *

AEURFR0013405461LONAUTA FP29.04.20190.60%20%0.85% p.a.

Institutional

BEURFR0013405685LONAUTB FP17.02.20200.90%20%1.15% p.a.

Retail

CEURFR0013405693LONAUTC FP17.09.20191.90%20%2.15% p.a.

Institutional

DEURFR0013405701LONAUTD FP29.04.20190.90%20%1.15% p.a.

* Part de référence du Fonds servant à la communication des Valeurs Liquidatives, des performances WTD, MTD, YTD et LTD.
** Inclus 0.25% de frais de gestion externes (CAC, dépositaire, avocats, distribution).